pH ed ORP: Fattori Essenziali per la Vita

Stay HydratedIl meccanismo di controllo di tutti i processi biologici del corpo, detto omeostasi, si avvale dell’equilibrio di questi due fattori chimici: il pH (potenziale Idrogeno) e l’ORP (potenziale di Ossido-Riduzione).

Lo squilibrio di uno o entrambi questi fattori non è compatibile con la salute e , a lungo andare, nemmeno con la vita.

Il pH ideale dei fluidi biologici del nostro corpo deve essere leggermente alcalino (basico). Se il pH si abbassa, i processi metabolici deragliano e degenerano. Ciò avviene perché è nella natura dell’acido corrodere la materia. Pensa all’aceto che scioglie il grasso ed elimina il calcare dal tuo lavandino!

Se nei nostri tessuti si accumulano troppe sostanze acide (tossine), esse tenderanno a distruggerli mentre l’abbondanza di sostanze alcaline tenderà a rinforzare l’organismo!

La vita, però, è il risultato dell’equilibrio tra componenti acidi e basici (alcalini), elementi apparentemente opposti ma decisamente complementari!

L’acidità serve per disgregare il cibo da digerire e le sostanze tossiche da eliminare dal nostro organismo con l’aiuto dei batteri. Il nostro corpo è equipaggiato, solitamente, per eliminare l’eccesso degli scarti tossici. L’alcalinità (basicità), invece, partecipa alla costruzione ed al mantenimento di un corpo sano. Questa è la natura delle cose, pertanto la conservazione del pH fisiologico rappresenta un primo fattore di salute, benessere e longevità.

La costante creazione di ioni di idrogeno (H+) e ossidrile (OH-), che sono gli elementi caratterizzanti l’acidità (H+) e l’alcalinità (OH-), è alla base della produzione dell’energia nelle cellule viventi. Questa attività è legata essenzialmente alla presenza dell’acqua. Infatti, la molecola d’acqua (H2O) è la prima a dividersi sotto lo stimolo delle radiazioni.

Nella normalità, questo processo avviene grazie ai raggi solari che, riscaldano l’acqua, ne stimolano la scissione di una parte delle sue molecole. A questa divisione ionica dell’acqua partecipano anche altri fattori quali la pressione atmosferica, la temperatura e la forza legame rappresentata dai cluster da cui è formata la massa dell’acqua.

Fortunatamente non tutta la massa d’acqua partecipa alla divisione ionica. Se ciò avvenisse, si formerebbe un’esplosione d’energia incontenibile e quindi distruttiva. Il processo di divisione ionica delle molecole d’acqua si chiama autoprotolisi ed è alla base di un’attività più vasta chiamata REDOX ove intervengono anche altre sostanze nello scambio/cessione di elettroni. Il processo della protolisi delle molecole d’acqua è un fenomeno reversibile e naturale ed è indotto dal continuo assorbimento delle radiazioni cosmiche e solari (fotoni) da parte delle molecole d’acqua.

I fotoni sono l’unità fondamentale della vita intesa come fattore di moto/movimento universale. Penso che sarai concorde nell’accettare l’idea che i due fattori fondamentali della vita sulla terra (oltre l’aria e il calore) sono la luce e l’acqua.

La luce e le radiazioni, già nell’atmosfera, sono fattori di ionizzazione (REDOX), fonte primaria della vita sul nostro e, forse su altri pianeti. Lo scambio perenne di elettroni tra atomi o molecole è il principio di vita primordiale. Questo movimento ha un verso multidirezionale e scorre all’infinito. La velocità e la forza del movimento ionico fanno la differenza fra la salute e la malattia, la vita e la morte. Gli esseri viventi, ognuno secondo la propria specie, sono stati programmati a vivere in una determinata gamma di radiazioni e di attività REDOX.

La grande intelligenza della natura ha programmato e creato forme di vita che in caso di bisogno, potessero esprimere mutuo soccorso. Ed ecco che sostanze dannose per alcune forme di vita possono essere utili per altre. Un esempio possono essere alcune specie di funghi che si nutrono di radiazioni ionizzanti pericolose per umani, animali e piante. Ci sono batteri che si nutrono di veleni e tossine e, così facendo bonificano l’ambiente in cui vivono.

A quest punto, voglio chiarire alcuni concetti imprecisi che vengono diffusi da persone non competenti in questo aspetto difficile della chimica. E’ opinione comune per tutti coloro che hanno sentito parlare di ionizzatori d’acqua, o che lo abbiano acquistato, che l’ORP negativo (considerato antiossidante) sia una peculiarità esclusiva dell’acqua alcalina mentre l’ORP positivo (detto ossidante) sia una caratteristica esclusiva dell’acqua acida. Solitamente, questo è vero per l’acqua erogata dagli ionizzatori d’acqua ma i valori di pH e ORP sono tra di loro indipendenti.

Infatti, nella realtà possiamo avere soluzioni in cui l’ORP è negativo ed il pH è acido oppure l’ORP è positivo ed il pH è alcalino.

Spesso mi chiedono: “Cosa è più importante, il pH o l’ORP?”. Su questi temi (pH e ORP) si parla molto a sproposito perché sono argomenti di non facile comprensione, Anch’io ho fatto molta fatica a comprenderli. Come ho già detto, questi fattori sono essenziali per i processi vitali e per una buona salute. L’errore comune che si fa è quello di considerare questi fattori al di fuori della sede dei processi vitali. A poco serve un’acqua ottimale nella bottiglia, se poi non riesce ad essere tale nel corpo e nelle cellule.

Non è sufficiente, infatti, bere e mangiare bene, se l’apparato gastroenterico non è in grado di elaborare ciò che vi si introduce. Ma non ti ho detto cosa rispondo a questa domanda che mi pongono sovente. Ebbene, il pH alcalino ottenuto con il concentrato HydraCel in acqua minimamente mineralizzata è così potente che non ha nulla da invidiare ad un’acqua alcalina ad alto residuo fisso con un ORP negativo, elemento pur sempre importante.

Il processo Redox (ORP) è, comunque, un processo spontaneo che avviene, in modo importante, nell’acqua cellulare degli esseri viventi e, proprio per ciò, è un processo indispensabile alla vita. L’equilibrio del pH cellulare e corporeo, invece, ha bisogno di minerali alcalini che devono essere costantemente riforniti dall’esterno. L’acqua alcalina, soprattutto se minimamente mineralizzata ottenuta con HydraCel, anche se non raggiunge l’ORP negativo, agevola nelle cellule il processo Redox ed il pH fisiologico.

Come Procurarsi l’Acqua Alcalina

Acqua alcalina ionizzataSe non hai la fortuna di essere vicino ad una sorgente naturale di acqua alcalina, puoi far diventare alcalina qualsiasi buona acqua purché non gassata.

Il sistema più conosciuto e diffuso nel mondo è tramite l’utilizzo dello ionizzatore d’acqua ad elettrolisi che, collegato all’acqua di rete, la rende alcalina ionizzata. Normalmente nell’acqua di rete sono presenti sia minerali alcalini che acidi, legati a delle molecole di acqua. L’acqua alcalina ottenuta con gli ionizzatori d’acqua purtroppo non sempre è eccellente a causa dell’acqua di rete che spesso è troppo dura o inquinata da metalli pesanti e veleni vari.

La cosa ideale sarebbe purificare l’acqua tramite l’osmosi inversa poi remineralizzarla e, quindi, alcalinizzarla e ionizzarla. Purtroppo questa soluzione sebbene migliore è sicuramente molto più costosa!

Per coloro, invece, che non possono affrontare la spesa necessaria per procurarsi questa attrezzatura, esiste un’altra ottima soluzione per ottenere acqua alcalina e/o ionizzata. Molto efficace è CORAL-MINE a base di corallo fossile ma soprattutto H-500, l’unico preparato che conosco in grado di alcalinizzare e ionizzare l’acqua. Un altro prodotto molto efficace è il concentrato alcalino HYDRACEL tramite cui, aggiungendone alcune gocce all’acqua, quest’ultima diventa alcalina. L’utilizzo delle gocce è molto versatile oltre che molto conveniente. Infatti, il costo giornaliero “pro capite” per bere una sufficiente quantità d’acqua è meno di 50 centesimi di euro.

Aggiungendo più o meno gocce si può variare il pH a piacimento. A differenza dell’acqua alcalina ottenuta con uno ionizzatore d’acqua, l’uso delle gocce non raggiunge un valore negativo dell’ORP ma questo è un limite apparente perché il processo Redox indotto da HYDRACEL comunque produce molti ioni idrossili (OH-) nell’acqua alcalina i quali, alla fine di una serie di reazioni, si trasformano in H2 e O2. Questi due elementi sono la fonte principale della produzione dell’energia nella cellula. Inoltre, i minerali alcalini scelti per preparare questo concentrato sono importantissimi per la cellula perché sono in grado di ripristinare il potenziale di membrana della pompa sodio-potassio.

Le gocce di HYDRACEL, inoltre, sono molto indicate per alcalinizzare l’acqua degli impianti che producono idrogeno, se vogliamo anche un’acqua alcalina, e i purificatori d’acqua ad osmosi inversa.

Concludo questo articolo raccomandandoti di bere almeno 1,5 litri di acqua alcalina e/o ionizzata al giorno. Questa quantità d’acqua è, di gran lunga, più efficace dei soliti 2 litri d’acqua consigliati dal tuo medico curante.

Come sai, il nostro corpo è composto dal 70% di acqua e ne consuma continuamente. Ebbene, se non introduciamo giornalmente una sufficiente quantità di acqua fresca, l’organismo si disidraterà e l’acqua restante non solo sarà insufficiente per svolgere tutte le funzioni metaboliche ma comincerà, imputridendo, a distruggere le cellule.

Pertanto, il litro e mezzo che consiglio è la minima dose efficace per recuperare l’idratazione ma puoi bere tutta l’acqua alcalina e/o ionizzata che desideri.

Disidratati Bevendo…Com’è Possibile?

Si, come è possibile? Mi immagino la tua espressione…si, è possibile. Anche se bevi 2,3,4 litri di acqua al giorno potresti essere disidratato. E’ vero che la maggior parte di noi non beve abbastanza ma oggi non parleremo di quantità, sebbene anche questo sia un aspetto importante, ma soprattutto di QUALITA’. Parleremo della buona acqua, l’acqua bagnata. A questo punto mi immagino veramente la tua faccia, forse pensi che ho avuto un giorno difficile, oppure questa notte non ho dormito molto, o forse pensi che ho alzato troppo il gomito…niente di tutto questo.

Per capire il concetto che l’acqua buona è un acqua bagnata bisogna innanzitutto comprendere che non esiste in natura una singola molecola d’acqua  ma le molecole di H2O che costituiscono qualsiasi tipo d’acqua tendono a raggrupparsi in gruppi da 15 a 20 molecole.

L’acqua di rubinetto arriva fino a gruppi di 40 mentre quella in bottiglia generalmente si aggira intorno ai 20. Questi gruppi di molecole vengono chiamati cluster. Riducendone le dimensioni (micro-cluster) aumenta l’area di superficie quindi l’energia nell’acqua perché si innalza il potenziale elettrochimico e aumenta la carica negativa. Questo perché l’attività degli elettroni ha luogo sulla superficie di una molecola, quindi una maggiore area di superficie  corrisponde a una maggiore attività degli elettroni.

Siamo arrivati al nocciolo della nostra argomentazione, gruppi molecolari più piccoli permettono all’acqua di essere bagnata cioè di permeare più velocemente le membrane cellulari. In questo modo le cellule drenano totalmente dal di dentro in fuori. Questo può farlo solo l’acqua bagnata, cioè un acqua con le caratteristiche che abbiamo appena menzionato.

Ecco perché se stai bevendo un tipo di acqua inadeguata potresti essere comunque disidratato, indipendentemente da quanta ne consumi. Ricorda che l’acqua del rubinetto può arrivare fino a gruppi di 40 molecole, quella in bottiglia a 20.

Ricorda che le molecole si uniscono quando perdono la propria carica negativa che può essere compromessa anche dall’acidità. Ricorda che tutta l’acqua acida possiede gruppi molecolari più numerosi. Ricorda che a volte si tende a privilegiare acque in bottiglia con un basso residuo fisso , controlla il pH e ti renderai conto che spesso, se non sempre sono acque acide, quindi non bagnate, quindi morte da un punto di vista della vitalità. Ricorda che i sistemi ad osmosi inversa producono acqua acida, con un Ph 5.5-6.0 Se usi questo tipo di acqua le tue cellule perdono il sorriso e tu perdi energia, sarà per questo che ti senti sempre stanco?

L’acqua che bevi dovrebbe avere non più di 5 o 6 molecole per raggruppamento. Per idratarti correttamente e ottenere i relativi benefici bisogna assumere con acqua biologicamente attiva con CORAL-MINE fonte di minerali alcalinizzanti. Le caratteristiche biologiche di quest’acqua la rendono più  consona alle necessità dell’organismo (ridotta tensione superficiale, reazione leggermente alcalina). L’acqua presenta così una struttura ben ordinata, arricchita di minerali, ed ha inoltre un gusto piacevole.

Con l’integrazione di HydraCel potrete ridurre la tensione superficiale della vostra acqua potabile, rendendola più efficiente. HydraCel rende realmente l’acqua più bagnata. La capacità dell’acqua di idratare gli alimenti determina la capacità ad aiutare l’assimilazione delle sostanze nutrienti.

L’acqua del rubinetto ha tipicamente una tensione superficiale di 73 dine. L’acqua che circonda le nostre cellule è di circa 45 dine; quindi, il corpo deve lavorare per abbassare la tensione superficiale della nostra acqua potabile al fine che le sostanze nutrienti possano passare attraverso le pareti cellulari. HydraCel accelera questo processo abbassando la tensione superficiale della vostra acqua potabile a circa 59 dine, generando una soluzione e un agente umettante più efficiente.

NON CERCARE LONTANO, ECCO QUI COME IO RENDO VIVA L’ACQUA CHE BEVO…HydraCel

CLICCA ORA QUI’ PER SAPERNE DI PIU’ SU HydraCel

Gli Atleti Che Bevono Acqua Alcalina Nello Sport

Negli atleti che hanno introdotto nel loro stile di vita e allenamento Coral-Mine, sono avvenuti miglioramenti sorprendenti nelle prestazioni.

Coral-Mine ha aumentato le possibilità di innumerevoli atleti. I maratoneti stanno facendo tempi migliori; giocatori di hockey lasciano il ghiaccio senza dolori muscolari; i ginnasti sono molto più flessibili. Anche nel body building abbiamo maggiore definizione muscolare con minor sforzo.

Gli effetti di Coral-Mine

Ci sono numerosi effetti che l’acqua alcalinizzata può fornire per il movimento muscolare e la flessibilità. Ogni respiro che fai e ogni volta che un muscolo si contrae, vengono prodotti acidi metabolici, come l’acido lattico e piruvico. La presenza di questi acidi crea una sensazione di bruciore nel muscolo, affaticamento e debolezza muscolare. Questo impedisce un’ulteriore attività del muscolo fino a che non si aspetta il periodo di recupero.

Più acqua hanno a disposizione i tessuti, più facile è che questi acidi vengano rimossi dai tessuti dei muscoli. Questo può accelerare i tempi di recupero e ridurre gli acidi residui. L’alta alcalinità di Coral-Mine riduce  gli acidi residui con più velocità e riducendo la possibilità di lesioni. Gli atleti e gli allenatori sanno che i piccoli cambiamenti di pH possano influire di molto sulle prestazione, perché i muscoli lavorano meglio in una fascia ristretta di pH. Per questo motivo quando i metaboliti diminuiscono il pH si ha una diminuzione della funzionalità del muscolo e anche la produzione di ATP viene ridotta. Quindi più è alta l’acidità nei muscoli meno questi possono contrarsi. Anche gli stimoli elettrici per la peak performance si riduce notevolmente.

Fitness e salute

La cosa importante da sapere è che anche se un atleta è in forma non vuol dire che sia anche sano. Infatti, molti atleti soffrono di ferite croniche, infiammazioni e anche cancro precoce.

L’elevato livello di acidi metabolici cronici presenti nel tessuto muscolare potrebbero essere un fattore di forza. La combinazione di Coral-Mine, Hydracel, con una dieta alcalina è la risposta alle esigenze di un atleta. Aumentando l’alcalinità e la riduzione dei sottoprodotti acido, i sistemi tampone del corpo possono lavorare in modo più efficiente ed efficace.

Bisognerebbe allontanarsi da cibi con una alto contenuto di proteine, carboidrati, barrette dietetiche, sport drink ecc. e tornare a mangiare molti vegetali, frutta, cereali integrali e frutta secca. Questo tipo di cambiamento potrebbe veramente cambiare la vita di un atleta.

Super idratazione e performance atletica

La super idratazione, una delle caratteristiche principali del connubio di Coral-Mine con Hydracel e come la ristrutturazione dell’acqua sono una garanzia per prestazioni migliori. I segnali elettrici diventano fulminei, molto più ossigeno arriva alle cellule e l’acidità imprigionata nelle cellule adipose viene facilmente rimossa. Gli sport drink che gli atleti usano, sono sostanze acide che privano il corpo di sali minerali alcalinizzanti e rubano il calcio vitale dalle ossa, dalla cartilagine e dai tessuti.

L’acqua ristrutturata viene assorbita dai tessuti molto più velocemente di qualsiasi altro tipo di acqua e tutti i minerali sono presenti in acqua in una forma altamente assimilabile.

La maggior parte delle persone, tra cui la maggior parte degli atleti, non consumano abbastanza alimenti alcalini ricchi di minerali come noci, frutta e verdura. Invece le loro diete contengono elevate quantità di alimenti acidificanti, come carne, pesce, uova, pollame, e latticini. A causa di questo squilibrio nella dieta, queste persone possono essere a rischio di acidosi, cosa che compromette la salute generale e le prestazioni sportive.

Dal momento che una corretta idratazione è anche un fattore chiave per prevenire l’affaticamento, consumando Coral-Mine e Hydracel prima e dopo l’esercizio fisico si può ottenere un grandissimo aiuto.

Oltre a compromettere la performance, la disidratazione può portare a crampi muscolari, stanchezza generale e una mancanza di coordinamento.

In breve, un atleta che è adeguatamente idratato avrà quasi sempre un rendimento migliore rispetto ad un atleta che non lo è.