Proprietà dell’acqua – Sai Cos’é l’Acqua Viva e l’Acqua Morta?

Il 70% circa di un organismo umano è composto d’acqua,  il 70% della superficie terrestre è composta d’acqua.

Ognuno di noi consuma circa 250 litri di acqua al giorno, naturalmente non solo in modo diretto. E’ poco conosciuto il dato sconvolgente che riguarda la media di 20.000 litri di acqua per produrre 1 kg di carne, alcune centinaia per 1 kg di frutta e verdura, molte migliaia per produrre 1 kg di acciaio o di plastica…
L’allevamento è responsabile di circa il 45% dei consumi globali di acqua dolce, l’agricoltura di circa il 30% ed il 20% è consumato dall’industria: la costruzione di un’automobile consuma più di 1.000.000 di litri d’acqua. I consumi domestici superano di poco il 5%.

L’acqua è uno degli elementi fondamentali per moltissime culture antiche, insieme alla terra, all’aria ed al fuoco. Mediamente gli organismi che vivono sulla terra sono composti per circa due terzi d’acqua salina di composizione simile a quella del mare. Tutte le nostre cellule sono immerse in questo liquido interstiziale da cui ricavano i nutrienti e in cui scaricano i rifiuti. E’ per questo che ci dicono che dobbiamo bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno.. però nessuno mi aveva mai specificato che non tutte le acque sono uguali e che l’acqua ha delle proprietà che tende a perdere nei lunghi viaggi e travagli che affronta per arrivare fino a noi.
Di energia dell’acqua si occupa da anni il dott. Masaru Emoto, che ha trovato un suo metodo particolare per dimostrare che l’acqua “assorbe” le vibrazioni con cui viene a contatto.

ENERGIA DELL’ACQUA

Come è noto, l’acqua è formata da molecole H2O (2 atomi di idrogeno, 1 di ossigeno).

In natura, nell’acqua che scorre o comunque si muove (correnti, moto ondoso), il flusso ondulatorio, salti, vortici costituiscono un “lavoro” (di attrito, pressione, ecc.) che produce energia e polarizza le molecole, cioè dà loro una carica elettrica, formando due poli (come nelle calamite): gli atomi di idrogeno prendono carica positiva, l’ossigeno negativa.
Quindi le molecole si attraggono collegando i due atomi di idrogeno di una a quello di ossigeno di altre due (ponti idrogeno) e, data la disposizione spaziale a V con angolo di circa 107° dei tre atomi, formano strutture tridimensionali a base tetraedrica.
A tutti gli effetti sono strutture cristalline liquide (a 0° si solidificano e le vediamo facilmente al microscopio sotto forma di neve e ghiaccio: ma se illuminate con luce ultravioletta, in campo scuro, le vediamo anche allo stato liquido).

I cristalli d’acqua si comportano come tutti i cristalli: possono entrare in risonanza con onde elettromagnetiche che li colpiscono e conservarne la configurazione di energia con tutte le relative informazioni, e trasmetterle ad altre strutture cristalline con cui entrano in contatto.
E’ la cosiddetta “memoria dell’acqua“, oggetto di tante controversie ed anche osteggiata.

La memoria dei computer è proprio basata sulle strutture microcristalline dei chips, ed è nota la cristallo-terapia, basata sulla interazione energetica, cioè scambi di onde elettromagnetiche, fra organismi viventi e cristalli. Quindi l’acqua, a parte i soluti (sostanze disciolte dal suo potere solvente), è in grado di trattenere le informazioni provenienti anche da sostanze insolubili.

Ma le emanazioni energetiche di queste SONO le sostanze stesse. Ecco che in campi come l’omeopatia possiamo constatare che l’acqua, purchè dinamizzata in modo da avere struttura cristallina, trattiene l’energia uscita dalla sostanza in diluizione anche quando questa non è più presente materialmente (dopo 20-30 diluizioni). In effetti ci curiamo con l’energia, le onde elettromagnetiche con la esatta lunghezza d’onda – frequenza – che è caratteristica di quella sostanza.
Se cambia la frequenza si è di fronte ad un’altra sostanza, e teoricamente si può fare applicando un determinato campo di energia: il che ricorda la trasmutazione degli alchimisti.

Ma la cosa avviene in natura: ad esempio, sotto un forte campo magnetico il carbonato di calcio cristallizza come aragonite invece che come calcite, e lo si vede nelle grotte con acque sotterranee.
Per contro, possiamo essere danneggiati, patologie più o meno gravi, da un’acqua che trasporti energia per noi negativa (es.: emanazioni del piombo, radianze di forti campi elettromagnetici, ecc.).
Perché l’acqua possa trasportare energia, occorre dunque che mantenga la struttura cristallina. Ma se non si può muovere in modo naturale o sta ferma, la carica si esaurisce, le molecole si depolarizzano, le catene, e quindi i cristalli, si disfano: così l’acqua sotto pressione negli acquedotti, nei tubi (flusso laminare) o ferma a lungo ed esposta a calore, in bottiglia o comunque stagnante, “muore“.

Se noi beviamo acqua morta riceviamo un danno, perché si abbassa il livello di energia dell’acqua organica che E’ IL NOSTRO CORPO per oltre il 70%.

Si può ridare energia a un’acqua che l’abbia persa? Si, si può. Dinamizzandola a lungo o mettendola in contatto con fonti di energia che la possano ricaricare. Ma il massimo è poterle dare anche informazioni che abbiano effetti benefici (o addirittura terapeutici) sull’organismo. La magia di CORAL-MINE è appunto quella di rendere VIVA l’acqua che bevi e di polarizzarla affinché la sua memoria sia armoniosa.

NON CERCARE LONTANO, ECCO COME IO RENDO VIVA L’ACQUA CHE BEVO…CORAL-MINE

CLICCA ORA QUI’ PER SAPERNE DI PIU’ SU CORAL-MINE

Gli Atleti Che Bevono Acqua Alcalina Nello Sport

Negli atleti che hanno introdotto nel loro stile di vita e allenamento Coral-Mine, sono avvenuti miglioramenti sorprendenti nelle prestazioni.

Coral-Mine ha aumentato le possibilità di innumerevoli atleti. I maratoneti stanno facendo tempi migliori; giocatori di hockey lasciano il ghiaccio senza dolori muscolari; i ginnasti sono molto più flessibili. Anche nel body building abbiamo maggiore definizione muscolare con minor sforzo.

Gli effetti di Coral-Mine

Ci sono numerosi effetti che l’acqua alcalinizzata può fornire per il movimento muscolare e la flessibilità. Ogni respiro che fai e ogni volta che un muscolo si contrae, vengono prodotti acidi metabolici, come l’acido lattico e piruvico. La presenza di questi acidi crea una sensazione di bruciore nel muscolo, affaticamento e debolezza muscolare. Questo impedisce un’ulteriore attività del muscolo fino a che non si aspetta il periodo di recupero.

Più acqua hanno a disposizione i tessuti, più facile è che questi acidi vengano rimossi dai tessuti dei muscoli. Questo può accelerare i tempi di recupero e ridurre gli acidi residui. L’alta alcalinità di Coral-Mine riduce  gli acidi residui con più velocità e riducendo la possibilità di lesioni. Gli atleti e gli allenatori sanno che i piccoli cambiamenti di pH possano influire di molto sulle prestazione, perché i muscoli lavorano meglio in una fascia ristretta di pH. Per questo motivo quando i metaboliti diminuiscono il pH si ha una diminuzione della funzionalità del muscolo e anche la produzione di ATP viene ridotta. Quindi più è alta l’acidità nei muscoli meno questi possono contrarsi. Anche gli stimoli elettrici per la peak performance si riduce notevolmente.

Fitness e salute

La cosa importante da sapere è che anche se un atleta è in forma non vuol dire che sia anche sano. Infatti, molti atleti soffrono di ferite croniche, infiammazioni e anche cancro precoce.

L’elevato livello di acidi metabolici cronici presenti nel tessuto muscolare potrebbero essere un fattore di forza. La combinazione di Coral-Mine, Hydracel, con una dieta alcalina è la risposta alle esigenze di un atleta. Aumentando l’alcalinità e la riduzione dei sottoprodotti acido, i sistemi tampone del corpo possono lavorare in modo più efficiente ed efficace.

Bisognerebbe allontanarsi da cibi con una alto contenuto di proteine, carboidrati, barrette dietetiche, sport drink ecc. e tornare a mangiare molti vegetali, frutta, cereali integrali e frutta secca. Questo tipo di cambiamento potrebbe veramente cambiare la vita di un atleta.

Super idratazione e performance atletica

La super idratazione, una delle caratteristiche principali del connubio di Coral-Mine con Hydracel e come la ristrutturazione dell’acqua sono una garanzia per prestazioni migliori. I segnali elettrici diventano fulminei, molto più ossigeno arriva alle cellule e l’acidità imprigionata nelle cellule adipose viene facilmente rimossa. Gli sport drink che gli atleti usano, sono sostanze acide che privano il corpo di sali minerali alcalinizzanti e rubano il calcio vitale dalle ossa, dalla cartilagine e dai tessuti.

L’acqua ristrutturata viene assorbita dai tessuti molto più velocemente di qualsiasi altro tipo di acqua e tutti i minerali sono presenti in acqua in una forma altamente assimilabile.

La maggior parte delle persone, tra cui la maggior parte degli atleti, non consumano abbastanza alimenti alcalini ricchi di minerali come noci, frutta e verdura. Invece le loro diete contengono elevate quantità di alimenti acidificanti, come carne, pesce, uova, pollame, e latticini. A causa di questo squilibrio nella dieta, queste persone possono essere a rischio di acidosi, cosa che compromette la salute generale e le prestazioni sportive.

Dal momento che una corretta idratazione è anche un fattore chiave per prevenire l’affaticamento, consumando Coral-Mine e Hydracel prima e dopo l’esercizio fisico si può ottenere un grandissimo aiuto.

Oltre a compromettere la performance, la disidratazione può portare a crampi muscolari, stanchezza generale e una mancanza di coordinamento.

In breve, un atleta che è adeguatamente idratato avrà quasi sempre un rendimento migliore rispetto ad un atleta che non lo è.

La Disidratazione dell’Anziano

DISIDRATAZIONE: EMERGENZA ANZIANI

In un recente studio, il 31% degli anziani sono stati trovati disidratati. Un altro studio ha recentemente scoperto che il 48% degli anziani ricoverati in ospedale dal pronto soccorso aveva valori di laboratorio indicativi di disidratazione. Lo studio ha anche riscontrato che con un buon consumo di liquidi, gli anziani hanno un minor numero di cadute, meno stipsi, riabilitazione migliorata nei pazienti ortopedici e il cancro della vescica si riduce.

Bevendo cinque o più bicchieri di acqua ogni giorno, è stato riscontrato una minore incidenza di infarto. Bere Coral-Mine, aiuta a mantenere l’equilibrio dei liquidi per tutti, in particolare per gli anziani a rischio per i danni della disidratazione.

Andare in pensione con salute e gioia

La maggior parte degli anziani non beve abbastanza acqua. Infatti, oggi giorno si consumano una quantità allarmante di prodotti trasformati, bevande analcoliche, zuccheri raffinati. E’ molto più comodo prendere dei cibi preconfezionati piuttosto che utilizzare cibi freschi e integrali ricchi di nutrienti preziosi.

Purtroppo per molti anziani l’unico momento in cui viene bevuta l’acqua è per ingoiare la propria medicina.

Per essere adeguatamente idratate le nostre cellule hanno bisogno di un approvigionamento continuo di acqua per velocizzare il processo di riparazione e per ridurre l’accumulo di lacido lattico. Ciò è particolarmente importante con l’avanzare dell’età. Se il tuo corpo non è idratato a livello cellulare, la salute e il benessere ne soffriranno. Per gli anziani Coral-Mine è un eccellente fonte di idratazione.

Funzioni dell’acqua

“L’acqua ha molte funzioni all’interno del corpo umano, ma la più grande di queste funzioni è quella di migliorare il flusso sanguineo e di promuovere il metabolismo. Attiva flora batterica intestinale e gli enzimi mentre espelle le scorie e le tossine. Le diossine inquinanti, gli additivi alimentari e le sostanze cancerogene sono tutte risciaquate dal corpo con buona acqua. L’acqua inumidisce le aree del corpo che  i batteri e i virus possono invadere con maggior facilità, come i bronchi e la mucosa gastrointestinale, attivando il sistema immunitario, rendendo tali aree difficili da invadere. Per questo motivo le persone che non bevono abbastanza acqua buona si ammalano più facilmente.

NON CERCARE LONTANO, ECCO L’ACQUA ALCALINA CHE STAI CERCANDO.

ORA CLICCA QUI