LA DISIDRATAZIONE COME FONTE DI MALATTIA

“Esaminando qualsiasi testo di medicina leggerai più di un migliaio di pagine di verbosità, ma quando si tratta di fornire le cause delle malattie principali del corpo umano, la conclusione è sempre uguale e molto breve:”EZIOLOGIA (origine) SCONOSCIUTA!”. Questa affermazione del dottor Fereydoon Batmanghelidj, scrittore del libro “Il tuo corpo implora acqua”, viene riportata alla fine del primo capitolo, “Perché la “medicina” non cura la malattia”. Batmanghelidj sostiene che la classe medica di oggi non comprende il ruolo vitale dell’acqua nel corpo umano, i medicinali sono palliativi (eccetto l’uso di antibiotici nelle infezioni batteriche). Essi non sono idonei a curare le malattie degenerative del corpo umano.

Lo scrittore descrive perché,  nella maggioranza dei casi gli stati di infermità dovrebbero essere considerati come disturbi causati dalla disidratazione. Ciò che chiamiamo asma, diabete, artrite, angina, obesità, morbo di Alzhheimer, alto tasso di colesterolo ipertensione, ecc. non sono altro che disperati segnali di disidratazione. Derivano da una semplice causa non riconosciuta: non beviamo acqua a sufficienza! Questo è il fondamento della sua rivoluzionaria scoperta: se bevessimo giornalmente più acqua molte malattie degenerative potrebbero essere prevenute, o perfino curate. Il libro   supporta i suoi numerosi, accurati e meticolosi articoli scientifici. Include alcune delle moltissime lettere di testimonianza di lettori e medici che confermano la validità del suo metodo.

L’errore fondamentale che ha fuorviato la medicina clinica  è stato quello di ignorare le numerose funzioni chimiche dell’acqua nel corpo. Poiché la disidratazione può causare la perdita di alcune funzioni, i diversi sofisticati segnali mandati dagli operatori del programma di regolazione idrica del corpo, mentre perdura una forte disidratazione, sono stati interpretati come indicatori di malattie sconosciute. Ai medici è stato insegnato a far tacere questi segnali con prodotti chimici. Questo errore persiste con l’uso sempre più frequente di prodotti chimici per trattare altri sintomi insorgenti, le complicazioni della disidratazione diventano inevitabili e infine il paziente muore.

L’ironia di tutto ciò è che i medici dicono che è morto per una malattia! Ecco l’origine dell’errore. Il corpo umano è costituito per il 25% di materia solida (il soluto) e per il 75% di acqua (il solvente). Fu dato per scontato che il regolatore reattivo di tutte le funzioni del corpo fosse la composizione del soluto. Alle origini della ricerca fisiologica , si ritenne che l’acqua contenuta nel corpo fungesse solo da solvente, da riempitivo dello spazio e da mezzo di trasporto. Alla sostanza solvente (acqua) non fu attribuita alcuna altra proprietà funzionale.

Il corpo umano è, ancora oggi considerato una “grande provetta” piena di solidi di diversa natura e l’acqua nel corpo un “materiale d’imballaggio” chimicamente insignificante. In ambito scientifico si dà per scontato che i soluti (sostanze disciolte o trasportate nel sangue e nel siero del corpo) regolino tutte le attività del corpo. La vasta ricerca di Batmanghelidj prova la veridicità delle sue osservazioni cliniche: il corpo ha una vasta gamma di segnali di sete molto sofisticati – sistemi di segnali integrati attivi nella regolazione dell’acqua disponibile nei momenti di disidratazione.

La combinazione della sua ricerca clinica  e della letteratura scientifica ha dimostrato  che il paradigma che ha finora dominato tutta la ricerca applicata all’uomo deve essere cambiato, se vogliamo vincere la “malattia”. La nuova verità scientifica e il livello di pensiero a proposito del corpo umano che autorizzerà le persone a diventare operatori di medicina preventiva nei confronti di se stessi è questa: è il solvente – il volume di acqua – che regola tutte le funzioni del corpo, incluse le attività di tutti i soluti (i solidi) disciolti in esso.

Fonte: Il tuo corpo implora acqua
         Dottor Fereydoon Batmanghelidj

Annunci

Gravidanza e Acqua Alcalina Coral-Mine

Una nuova vita… Uno dei momenti più meraviglioso ed emozionante per una donna è sicuramente quello di trovarsi in “dolce attesa”. Nello stesso tempo, soprattutto nei primi tre mesi, dovrà spesso convivere (85% dei casi) con una situazione angosciosa, le nausee.

 

I motivi possono essere diversi, squilibrio ormonale, fattori psicologici, intestino pigro e cinetosi, meglio conosciuta come il mal d’auto. Un altro dei motivi delle nausee è di natura immunitaria e altera il metabolismo della donna aumentando la quantità dei succhi gastrici.

Ecco quindi che con il vomito lo stomaco perde acido cloridrico innescando un processo di de-acidificazione e nello stesso tempo produce bicarbonato auto-alcalinizzandosi.

Questo processo di de-acidificazione è necessario per preparare l’utero ad accogliere la nuova vita in un ambiente di perfetto equilibrio acido-base.

Questa è la fondamentale condizione che proteggerà il bambino mentre si sviluppa.

Il liquido amniotico è alcalino e deve rimanere tale per tutto il periodo della gravidanza perché questa sarà una delle migliori garanzie per una regolare gestazione e la salute del feto.

Perché avviene tutto questo?

E’ risaputo che il nostro stomaco ha una funzione fondamentale, quella digestiva ma ne svolge anche un’altra importantissima: eliminare le scorie acide dal nostro organismo.

Alla base di questo processo esiste un esigenza poco conosciuta e straordinaria: il nostro stomaco la fa da padrone nella naturale auto-regolazione  dell’equilibrio acido-basico. Non permette a nulla e nessuno di far prevalere un ambiente acido.

Immaginate una bilancia, a destra ci sono i minerali alcalini e a sinistra quelli acidi.
Per sostenere la vita e la nostra salute (questo avviene in tutti gli esseri umani in qualunque momento della vita)  la “bilancia” deve pendere leggermente a destra, il nostro stesso sangue ha un pH di 7,365 e anche delle piccole variazioni possono portare degli scompensi notevoli all’organismo.

Per questo l’ordine è imperativo: ciò che acidifica deve essere eliminato!

Che relazione ha tutto questo con la condizione della gravidanza?

Semplice, come abbiamo considerato, gravidanza significa aumento di acidità e quindi maggiore tossicità, tutto questo è dovuto anche al fatto che  la madre deve dare maggiori minerali alcalini al feto che chiaramente ha la precedenza nel riceverli.

Ecco spiegato perché la madre è soggetta a iper-acidità e spesso le sue riserve alcaline si esauriscono rapidamente.

Il bambino viene alimentato attraverso il cordone ombelicale favorendo lo sviluppo cellulare e nello stesso tempo producendo rifiuti acidi. Per questo motivo è importante che la futura mamma includa nella sua dieta molta frutta e verdura cruda che facilita l’apporto di molti minerali alcalini.

Se così non fosse, se la mamma predilige un alimentazione acidificante, grassi e proteine animali, formaggi, dolci industriali, farine raffinate, e zuccheri semplici, è chiaro che l’organismo, pur di preservare un ambiente alcalino al feto e al liquido amniotico, è disposto ad auto sabotarsi  arrivando al punto di prelevare i minerali alcalini dove sono maggiormente presenti e cioè nelle ossa e nei denti.

Quali potrebbero essere alcuni consigli per prevenire le nausee?

Eccone alcuni:

  • Seguire una dieta salutare, varia ed equilibrata. Fare cinque pasti al giorno e non restare a digiuno troppo tempo.
  • Alzarsi piano quando si è coricati.
  • Evitare di stendersi con la schiena e movimenti bruschi. Stendersi sul lato sinistro per favorire il flusso di sangue al cuore e al cervello.
  • Preferire i luoghi con aria fresca ed evitare quelli caldi e con molta gente.
  • IDRATAZIONE CORRETTA, bere Coral-Mine durante tutta la giornata.

Essendo idratante e ALCALINA l’acqua trattata con Coral-Mine, combinata con una dieta sana, da un grande supporto all’organismo della donna dimostrandosi una grande alleata nel mantenere il giusto apporto di MINERALI ALCALINI altamente biodisponibili.

Permette inoltre il giusto approvvigionamento e il mantenimento nutrizionale prima della gestazione, predisponendo il sistema biologico della donna nello stato ottimale per il concepimento,  ma anche durante la gestazione.

NON CERCARE LONTANO, ECCO L’ACQUA ALCALINA CHE STAI CERCANDO.

ORA CLICCA QUI

Acqua alcalinizzata e la qualità degli alimenti

Le abitudini alimentari odierne (abuso di zuccheri, cibi raffinati, carni, caffè ecc…)
e il tipo di vita che conduciamo, sono la causa di una modifica del nostro organismo che comporta un’alterazione della concentrazione degli acidi nel sangue.

Non dobbiamo mai dimenticare che gli alimenti naturali e freschi o fermentati oltre a contenere sostanze fondamentali per il nostro nutrimento, quali: Acqua, Zuccheri, Proteine, Grassi, Sali Minerali, Vitamine ed Enzimi, chiamati PRINCIPI NUTRITIVI, contengono anche un qualcosa in più che non è facilmente misurabile che i nostri antenati e la saggezza popolare ben conoscevano: l’ENERGIA DI VITA.I nutrienti servono al nostro corpo come pezzi di ricambio, per riparare o far crescere Organi e Tessuti, o come combustibile per produrre calore o movimento; l’Energia Vitale invece nutre direttamente la nostra VITALITÀ.
Se un alimento ne è privo, il nostro corpo per assimilarlo deve spendere parte del proprio patrimonio di Vitalità, cosi’ lentamente deperisce e perde la Salute. In termini materiali, il SOFFIO VITALE è attirato e trattenuto dalla RISERVA ALCALINA del nostro corpo,
contenuta in ogni Tessuto ma specialmente in quella BANCA DELLA VITALITÀ che sono le nostra Ossa.
Più abbiamo le Ossa dure e più abbiamo Vitalità, Salute e Longevità. Più sprechiamo Vitalità con cibi innaturali e strapazzi, più dobbiamo integrare la nostra riserva di Minerali. Il grado di ALCALINITÀ nei cibi è costituito dai minerali ed oligo-elementi organicati (legati a molecole organiche) e ad alto livello vibrazionale, cioè vivi, contenuti sopratutto nelle Erbe, in massimo grado in quelle selvatiche ed in tutti i cibi freschi.
L’Energia di Vita è completamente assente nei cibi artificiali, proposti dall’industria consumistica, finalizzati unicamente al guadagno piuttosto che alla salute delle persone; questi cibi non solo ci inquinano, ma assorbono e sperperano la nostra Vitalità. Grassi vegetali idrogenati, Dolcificanti sintetici, Addensanti, Conservanti, Coloranti, Aromi
artificiali sono gli additivi chimici usati abbondantemente ormai in tutti i cibi a fini di lucro.
Ad esempio il prosciutto cotto dato ai bambini, agli anziani e ai convalescenti perché ritenuto digeribile, è addizionato dal 25 al 50% di acqua e additivi (addensanti, conservanti, aromatizzanti) che lo rendono un cibo spazzatura.

Sostanza pH
Acido cloridrico, 10 M <1.0
Batteria acida 1.5
Succo gastrico 1.5 – 2.0
Succo di Limone 2.4
Coca Cola 2.5
Aceto 2.9
Succo di arancia o mela 3.5
Birra 4.5
Pioggia acida <5.0
Caffé 5.0
Tè o pelle sana 5.5
Acqua deionizzata a 25 °C 5.0-6.0
Latte 6.5
Acqua pura a 25 °C 7.0
Saliva umana normale 6.5 – 7.4
Sangue 7.34 – 7.45
Acqua di mare 7.7 – 8.3
Sapone per le mani 9.0 – 10.0
Ammoniaca domestica 11.5
Varechina 12.5
Liscivia 13.5
Idrossido di sodio 13.9

Le farine per il pane, merendine, biscotti, ecc. sono complicate mescolanze di prodotti spesso di provenienza sconosciuta, che provocano allergie, intolleranze, gastriti, coliti e tutto il malessere della nostra società. A causa di questi additivi abbiamo alterato i sensi del Gusto e dell’Olfatto e i naturali meccanismi digestivi sono gravemente disturbati. Tali alimenti, tutti a reazione acida, per essere neutralizzati consumano la nostra riserva alcalina rendendo le nostre Ossa fragili ed i nostri Organi Vitali pesanti ed intossicati, sempre bisognosi di cure mediche.

Dobbiamo fare anche attenzione a cibi avvelenati da pesticidi e metalli pesanti, specialmente a frutta e verdura fuori stagione e attenzione particolare anche al Tonno e Pesce spada, che sono zeppi di mercurio. Famosi scienziati asseriscono (a bassa voce) che già una scatoletta di tonno (da 150 grammi) alla settimana è potenzialmente pericolosa. Solo persone con un grossa riserva di minerali (attivi) ereditata da genitori molto vitali e sani sembrano non risentire di questo cibo spazzatura. Ma a lungo termine anche per loro è impossibile mantenere una buona salute senza alimenti naturali ed equilibrati provenienti da coltivazioni biologiche.

Per ristabilire i valori alcalini ottimali e salvaguardare la tua BANCA DELLA VITALITÀ, Coral-Mine con le sue caratteristiche bio-naturali è la risposta vincente che stai cercando.
Inoltre tra gli integratori che aiutano a mantenere il pH alcalino, la Spirulina in compresse è sicuramente un valido supporto, senza poi tralasciare la sua caratteristica peculiare di aiutare il corpo ad eliminare metalli pesanti ed altre tossine.

Bevi alla tua salute
Tutte le forme di vita conosciute su questo pianeta, sono completamente dipendenti dall’acqua. Per funzionare correttamente, il corpo umano richiede da 2 a 7 litri di acqua al giorno per evitare la disidratazione, la quantità esatta dipende dal livello di attività fisica, temperatura, umidità e altri fattori.

Quanta acqua per l’idratazione e la salute?
Non è chiaro quanta acqua serva per essere sani, anche se la maggior parte dei sostenitori concorda sul fatto che 6-7 bicchieri di acqua(circa 2 litri) al giorno è la quantità minima richiesta per mantenere la corretta idratazione.

Percentuale del corpo
Come per la terra stessa, il corpo umano è composto mediamente dal 70% di acqua. Non è esagerato quindi dire che l’acqua è alla base della vita e della longevità. Dopo tutto, l’acqua costituisce l’82% del tuo sangue, il 75% dei tuoi muscoli, il 25% delle tue ossa e il 76% del tessuto del cervello.
Essere ben idratati non solo mantiene tutti i tuoi organi perfettamente in comunicazione, ma aiuta a mantenere bella la pelle, lubrificare le articolazioni e aumentare il livello di energia.
Si stima che più del 75% della popolazione non sia completamente idratata. La disidratazione cronica produce dolore e alcune malattie degenerative che possono essere prevenute aumentando il livello di acqua che si beve. Questa notizia da solo dovrebbe essere un incentivo a bere di più.

Il cuore del problema
In un recente episodio TV di medici, l’obbiettivo era l’acqua come elemento essenziale per la vita. L’acqua era citata come il segreto numero uno per vivere più a lungo, rimanendo giovani e perdendo peso.
Il rapporto tra disidratazione cronica e l’effetto sul cuore è stato studiato. E’ stato indicato che le persone che bevono meno di due bicchieri di acqua al giorno, sono considerati cronicamente disidratati e il loro rischio di infarto raddoppia rispetto a coloro che bevono 5 bicchieri di acqua al giorno.
Per i disidratati cronici il cuore può allargarsi del doppio la dimensione normale e batte più velocemente di un cuore sano e idratato. Il sangue può diventare molto denso. Tanto più viscoso è il sangue, tanto più difficile è la normale circolazione e si può quindi intasare tutto il sistema circolatorio.
Tra l’altro il rischio per la salute di chi non beve correttamente è pericoloso come fumare. E per coloro che usano abitualmente bibite o altro il rischio aumenta.

L’acqua è solo acqua?
Ci sono molte persone che pensano che l’acqua sia solo acqua, ma non è assolutamente così. In primo luogo la gente si sta accorgendo che l’acqua che ci è fornita dai sistemi idrici municipali è piena di migliaia di sostanze chimiche, tossine e sostanze inquinanti che causano cancro.
Secondo indagini recenti negli stati uniti ben 42 stati sono stati contaminati con più di 140 sostanze chimiche non regolari che non rispettano gli standard.

Miliardi di bottiglie vuote
Forse è per questo che le vendite di acqua in bottiglia sono aumentate divenendo un industria da 11.000 miliardi di dollari in America. Ma i regolamenti in materia di acqua in bottiglia hanno lasciato passare il fatto che oltre il 30% di tutte le costosissime acque in bottiglia, in realtà sono solo acqua del rubinetto filtrata. Senza considerare il fatto che i prodotti della plastica a contatto con l’acqua la rendono acida.
L’acqua in bottiglia non è la risposta a questa crisi idrica che sta avanzando in tutto il pianeta. Soprattutto considerando i danni ambientali causati dallo smaltimento di 150 miliardi di bottiglie e di plastica ogni anno. In effetti ogni ora 2,5 milioni di bottiglie vengono gettate via nelle nostre discariche o in quelle di paesi in via di sviluppo come l’india.

Una soluzione intelligente e salutareCoral Mine
Come si può essere certi quindi di poter avere accesso ad una sana e pura acqua potabile? Per fortuna ora c’è la possibilità di scegliere il meglio per noi e per i nostri figli. Coral Club International, distribuisce corallo fossile prelevato nell’isola di Okinawa in Giappone che trasformerà la tua acqua del rubinetto che contiene cloro e agenti contaminanti in una deliziosa, purificata, sana acqua alcalina potabile e anti ossidante.
Le bustine di Coral-Mine filtrano gli agenti inquinanti e le sostanze chimiche nocive come il cloro dal vostro rubinetto.
La ricerca dimostra che bere acqua alcalina ha benefici per la salute molto elevati, il principale dei quali è un altissimo effetto anti ossidante. Lo ione negativo idrossile (OH-) è un potente antiossidante ed è simile all’acqua che beve la popolazione degli Hunza che proviene dagli alti ghiacciai.
Se vuoi ristabilire i valori alcalini ottimali, Coral-Mine è la risposta vincente che stai cercando.

NON CERCARE LONTANO, ECCO L’ACQUA ALCALINA CHE STAI CERCANDO. CLICCA QUI

CARENZA DI OSSIGENO, ACIDOSI E INFIAMMAZIONE. QUESTO POTREBBE INTERESSARTI

Importanti studi sulle proprietà antiossidanti dell’integratore nutrizionale Microhydrin Plus ne dimostrano l’efficacia protettiva nei confronti del danno ossidativo a biomolecole e cellule.

Lo stress ossidativo – lo squilibrio tra la formazione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e meccanismi di difesa antiossidante – è causa di reazioni citotossiche che portano a processi di invecchiamento cellulare e all’insorgenza di disordini cronico-degenerativi, aterosclerosi e neurodegenerazione.
Negli ultimi anni il tradizionale approccio terapeutico a queste patologie si è aperto sempre di più al contributo dei supplementi antiossidanti, tra cui l’integratore naturale, unico al mondo: Microhydrin Plus® 
La sua efficacia è stata riscontrata in atleti professionisti con benefici sia durante le fasi di allenamento che durante le performance agonistiche. In seguito sono stati investigati in vitro gli effetti protettivi di Microhydrin Plus nei confronti del danno ossidativo, sia in sistemi acellulari quali le biomolecole glutatione (GSH) e DNA, sia in sistemi cellulari quali i globuli rossi (RBC) e i linfociti. Come fonti di radicali liberi sono stati utilizzati tre ossidanti fisiologici quali perossido di idrogeno (H2O2), acido ipocloroso (HCl0) e perossiradicali (ROO).

In un particolare studio sono state investigate per la prima volta le proprietà antiossidanti in vitro di Microhydrin Plus valutando la sua efficacia protettiva nei confronti di tre agenti ossidanti fisiologici quali perossido di idrogeno, perossiradicali e acido ipocloroso.
I risultati ottenuti dimostrano che Microhydrin Plus protegge efficacemente il GSH dall’ossidazione e quindi dal suo consumo in presenza di radicali liberi.

L’effetto protettivo si estende anche al DNA, riducendo gli effetti genotossici degli agenti ossidanti. Tale azione può avere grande rilevanza nel caso del DNA mitocondriale che è direttamente esposto all’azione dei ROS prodotti durante la respirazione cellulare. È stato infatti dimostrato che il danno ossidativo al DNA mitocondriale è implicato nel processo di senescenza fisiologica e in alcuni disordini degenerativi.

Le evidenze tratte da questo studio possono avere rilevanza in ambito sportivo, infatti durante l’esercizio fisico intenso viene prodotta una maggior quantità di ROS derivanti sia dall’aumentato metabolismo eritrocitario sia dall’attivazione leucocitaria (neutrofili) .

La protezione di Microhydrin Plus neiconfronti del danno ossidativo agli RBC potrebbe dunque essere un utile strumento nel contrastare l’anemia dell’atleta e potrebbe spiegare alcuni degli effetti positivi per gli atleti professionisti. Infine, l’azione protettiva di Microhydrin Plus è stata investigata nei linfociti, cellule coinvolte nella risposta immunitaria, che normalmente sono soggetti a stress ossidativo in vivo. Anche in questo modello sperimentale è stato osservato che Microhydrin Plus è capace di ridurre significativamente la formazione di ROS intracellulari indotta dai tre ossidanti.

Conclusioni

I dati emersi in questo studio confermano l’azione protettiva antiossidante di Microhydrin Plus, rendendolo un valido integratore nutrizionale nella prevenzione e nel trattamento di numerose condizioni fisiopatologiche legate allo stress ossidativo, dall’invecchiamento dall’anemia dello sportivo, dal rischio cardiovascolare.

NON CERCARE LONTANO, ECCO L’ANTIOSSIDANTE PIU’ COMPLETO. CLICCA QUI